Il vermouth rosso e altri aperitivi italiani. L’origine del vermouth Il vermouth e l’assenzio.

Storia dei Campari. Storia di Martini e Rossi.

Viaggiamo in Italia per parlare di vermouth rosso e altri aperitivi provenienti da questo splendido paese del Mediterraneo. Sappiamo già che per ottenere la combinazione perfetta del cocktail Negroni, oltre al gin dobbiamo aggiungere un vermouth rosso e un aperitivo bitter. Questi antipasti italiani sono fondamentali in molti cocktail, non solo in Negroni. Vediamo come si differenziano e quale è la loro origine … la bella Italia!

Cos’è il vermouth? Origine del vermouth

Il termine vermouth deriva dalla parola francese vermouth, che a sua volta deriva dalla parola tedesca wermut che significa assenzio, che viene usato sia per riferirsi alla bevanda alcolica che alla pianta. Il vermouth è noto per i vini che sono stati aromatizzati con erbe e generalmente fortificati aggiungendo zucchero e alcool. Assenzio, da cui il nome. Il vermouth bianco è secco, è più forte e viene dalla Francia. E il vermouth rosso è dolce e italiano.

Il vermouth ha la sua origine nel “vino ippocratico”, noto perché era Ippocrate, il medico greco nato nel 460 aC, che aveva la grande idea di macerare il suo vino con fiori di assenzio e altre piante. È lo stesso Ippocrate che è considerato il padre della medicina e il famoso giuramento di Ippocrate. Quanto dobbiamo al buono di Ippocrate!

La produzione industriale del vermouth inizia nel nord Italia, a Torino, in Piemonte. Giuseppe Carpano fu il primo a commercializzarlo. Ed è nel diciannovesimo secolo quando si estende in tutto il mondo. Tra i marchi italiani più noti troviamo Martini, Cinzano, Carpano, Campari … e qui in Spagna abbiamo Yzaguire, Miró, Vermouth Zarro, Perucchi … Ogni produttore ha la sua ricetta segreta e la sua combinazione di piante. Nella realizzazione del vermouth, oltre all’assenzio si aggiungono tutta una serie di radici, erbe, fiori, frutta e spezie. L’aroma caratteristico del vermouth, dolce e amaro, lo rende ideale per abbinarlo ai cocktail. È anche molto adatto per l’aperitivo, il pasto leggero che prendiamo per stuzzicare l’appetito prima dei pasti. Il tipico “picoteo” prima di pranzo o cena, che è anche conosciuto come “vermouth”. Un vermouth prima di mangiare?

Aperitivi bitter italiani

Anche dall’Italia otteniamo gli aperitivi bitter, come il Campari e il Martini Bitter. È l’altro componente che ci mancava nel cocktail dei negroni. È un liquore che può essere consumato combinato in cocktail o solo con ghiaccio e soda o succhi di frutta. La parte amara di questa bevanda lo rende molto adatto per preparare lo stomaco per il cibo. Questa proprietà digestiva lo rende un aperitivo perfetto. Il termine bitter significa amaro in inglese.

Altri aperitivi bitter italiani – Aperol e Cynar

Ci sono altri aperitivi bitter come Aperol, che ha un’arancia amara ed è simile a Campari, ma meno amaro e con metà del alcool. È usato per il cocktail Aperol Spritz. Un altro aperitivo italiano è il Cynar che ha carciofo nella sua composizione e viene solitamente consumato con soda o succo di frutta. È anche usato nel cocktail Cynar Julep o Cynar Negroni. L’amaro Fernet Branca, digestivo dopo i pasti molto popolare a Milano. L’Amaretto, che significa un po ‘amaro ed è fatto con le mandorle. E molti altri liquori e digestivi come Frangelico, Grappa, Sambuca, Limoncello, Strega … Che varietà!

Finalmente abbiamo i bitter o amari che sono usati solo per dare un tocco di cocktail amaro. Non si tratta di aperitivi come i precedenti, dal momento che non vengono consumati in isolamento. Il più popolare è l’amaro di Angostura, che viene utilizzato in innumerevoli cocktail come Manhattan, Cuba Libre, Pisco Sour, Old Fashioned, Mojito …

Storia dei Campari

Il suo creatore si chiamava Gaspare Campari e lo rese popolare a Milano, la città dove aprì il Café Campari, vicino alla cattedrale. Il signor Campari offrì alla clientela l’aperitivo della sua invenzione, tra cui il re Umberto I. Ben presto ebbe un grande successo nella società milanese. L’aperitivo Campari nella sua preparazione richiede più di 60 ingredienti tra i quali arancio amaro, il chinino, pompelmo, rabarbaro, carciofi, brandy, sciroppo di zucchero, e una moltitudine di erbe e piante. La formula esatta è ancora un segreto, anche se è noto per portare una cocciniglia per dargli il colore rosso intenso. Ha un livello d’alcool di 25 gradi ed è un elemento fondamentale del Negroni e l’americano.

Storia del marchio Martini & Rossi

Il grande successo del produttore di vermouth Alessandro Martini di Torino è stato quello di convincere l’erborista Luigi Rossi a lavorare per lui. Quindi, il nome completo del marchio è ora Martini & Rossi. Il signor Rossi era un enologo ed erborista eccezionale, un genio dal naso privilegiato. Durante la sua vita studiava diverse combinazioni di erbe e spezie per le bevande che Martini produceva. Il suo primo successo è stato il Martini Rosso (vermouth rosso) a cui ha dato il suo tocco di genio con uno speciale assenzio che si verifica a Pessione, una città italiana. Un’altra delle sue creazioni è il Martini Bitter che è fatto con arancia amara e utilizzato come aperitivo bitter per cocktail come negroni, in sostituzione del Campari. Come non potrebbe essere altrimenti, il signor Rossi ha anche tenuto segreti tutti i suoi studi e le sue ricette. Che segretezza ha il mondo del vermouth!

Abbiamo brevemente rivisto i principali vermouth e gli aperitivi italiani per avere un’idea della loro ampia varietà e ricchezza. E anche se non potremo mai conoscere tutti gli ingredienti che portano, né la loro ricetta esatta; avremo sempre la consolazione di poter raccogliere un bicchiere, un paio di buoni cubetti di ghiaccio alimentare Cubers e godere di tutte quelle erbe e spezie scelte, …

Per l’Italia